Il Prosecco è spesso considerato il “brutto anatroccolo” dei vini, viene preso poco seriamente e non è quasi mai considerato il prediletto tra i vini. La storia del “Brutto Anatroccolo” per noi non riguarda il diventare “belli” ma diventare chi si è realmente.

Il nome “Proseccando” è un gioco di parole: “Prosecco” e “Seccando” che è l’equivalente di “bere alla goccia”. “Proseccando” significa girare tra le diverse cantine, degustando e scoprendo i nuovi Prosecco. 

Noi di Proseccando non siamo sommelier ma essendo cresciuti immersi nella cultura del vino italiano vogliamo condividere questa passione e il nostro patrimonio di esperienza con il mondo.

Qui, non solo potrete trovare i migliori Prosecco italiani ma anche una profonda conoscenza del mondo del Prosecco: gli abbinamenti cibo/vino, le location da non perdere, i Prosecco wine tour più interessanti e i consigli per comprare Prosecco d’eccellenza.

Vi lasciamo con il consiglio di provare di tutto… e non solo in termini di vino. Cin Cin!

LA MAPPA DEL PROSECCO

E’ l’area che si estende dal comune di Conegliano fino al comune di Valdobbiadene e include inoltre i seguenti comuni: Susegana, San Vendemiano, Colle Umberto, Vittorio Veneto, Tarzo, Cison di Valmarino, Follina, Miane, San Pietro di Feletto, Refrontolo, Pieve di Soligo, Farra di Soligo, Vidor. All’interno di quest’area viene prodotto il Prosecco con denominazione “Superiore”

E’ la tipologia più elevata di Prosecco Superiore della zona DOCG e viene prodotto in un’area ristretta di 106 ettari all’interno del territorio di San Pietro di Barbozza (Valdobbiadene), riconosciuta come zona di produzione di qualità eccellente per via delle caratteristiche del microclima e del territorio. Una caratteristica di questo Prosecco è che viene spumantizzato quasi esclusivamente nella versione Dry.

La zona di coltivazione delle uve si estende per 19 comuni intorno ad Asolo. L’Asolo Prosecco è l’unica denominazione del Prosecco in cui venga ammessa la tipologia Extra Brut (dal tenore zuccherino molto basso). I vini a denominazione di origine controllata e garantita “Asolo – Prosecco” possono essere: DOCG Asolo Prosecco, DOCG Asolo Prosecco “frizzante” e DOCG Asolo Prosecco “Spumante Superiore”.

Il termine “Rive” si riferisce alle ripide colline che caratterizzano il territorio. All’interno dell’area Conegliano-Valdobbiadene sono presenti 43 rive, ed ognuna di esse esprime una diversa peculiarità di suolo, esposizione e microclima.

Poiché la provincia di Treviso ha avuto un ruolo fondamentale nella storia dello sviluppo del Prosecco, quando la raccolta delle uve, la vinificazione e l’imbottigliamento avvengono in toto nella provincia di Treviso, il Prosecco può avere denominazione “Prosecco DOC Treviso”, una menzione speciale.

La zona del Prosecco DOC è un’area molto vasta che si estende territori dell’Italia nord-settentrionale in Veneto e Friuli-Venezia Giulia, tra le Dolomiti e il mar Adriatico. In particolare si estende in Veneto in tutte le province ad esclusione di Verona e Rovigo e in tutto il Friuli-Venezia Giulia. Il Prosecco DOC si divide nelle seguenti categorie: Spumante, frizzante e tranquillo. Lo spumante comprende a sua volte le seguenti categorie: Brut, Extradry, Dry o Demi-sec. Le tre tipologie hanno inoltre una differenza sostanziale nel Perlage: nello spumante è fine e persistente, nel frizzante è più lieve, nel tranquillo è completamente assente. La zona DOC comprende anche due territori con una denominazione più precisa: DOC Treviso e DOC Trieste. Ricordiamo che all’interno della provincia di Treviso si trova la zona del DOCG Conegliano-Valdobbiadene e Asolo-Montello

La provincia di Trieste è situata nell’altopiano carsico: un territorio unico per le doline, le grotte e i campi solcati. Un curiosità: in questa provincia vi è anche la cittadina “Prosecco” da cui però non deriva il nome del nostro amato vino. Se però le uve sono state raccolte nella provincia, così come la vinificazione e l’imbottigliamento sono avvenuti nella provincia di Trieste, le bottiglie si possono fregiare della menzione speciale “Prosecco DOC Trieste”.

preloader